Nuovi giocattoli per le amiche del cuore

Dopo aver lavato i denti  pensai improvvisamente che lo spazzolino da denti a batteria potrebbe avere più di un utilizzo. Ho sciacquato la bocca con calma, per non farmi sentire da mio fratello, poi guardai per vedere se non stava per entrare in bagno ed appoggiai la testa vibrante sul mio clitorie, godendo delle vibrazioni, tante, forti e piacevoli. “Tesoro, va tutto bene lì dentro? Non dimenticare, è la nostra serata speciale, “Ho sentito dalla camera da letto. I nostri genitori erano fuori casa e noi dormivano nel loro letto. “Tutto bene” ho risposto, “Ho voluto dare ai denti un’accurata pulizia”. Non c’è davvero niente di sbagliato a fare sesso con Riccardo, è solo noioso nei gusti, a differenza mia che sono una troietta. E’ compulsivo, nevrotico. Va bene, forse ci sono state un paio di cose sbagliate con lui, tuttavia ho deciso che la sicurezza era la mia grande priorità, e che una vita sessuale scintillante non sarebbe stata importante. Ultimamente ho rimpianto giusto quella, ma ormai ero nel vortice dell’incesto. Io di certo non avevo intenzione di rinunciare alla mia bella casa, la mia carriera fiorente, la mia auto di lusso e le mie care abitudini di shopping per un po’ di sesso, così ho trovato abbastanza interessi da tenermi occupata in modo che non mi mancasse il sesso poi molto. Poi ho iniziato a prendere lezioni di ballo, e tutto cambiò. Il tango è ciò che mi ha fatto crescere dentro movimenti sensuali, morbidi, la vicinanza del corpo di uno sconosciuto accanto al mio, mi faceva sentire bene. Lo spazzolino da denti non era proprio il modo giusto per masturbarsi, ma non era poi così male. I raggiunto un bell’orgasmo, ma con più intensità di quanto avevo previsto. Poi sono uscito dal bagno per “godere” (si fa per dire) del sesso mediocre che era diventato il nostro farlo due volte a settimana ma questa volta, grazie al mio giocattolo della stanza da bagno, non era così male. Quella sera il sesso con mio fratello era abbastanza noioso, nonostante l’accompagnamento di alcuni gemiti un po’ sforzati. Era finita in fretta, e abbiamo dormito pacificamente quella notte. Il giorno successivo Riccardo mi ha portato un opuscolo che aveva raccolto in uno studio dentistico. “Ehi tesoro, se sei veramente interessata a prenderti cura dei tuoi denti, perché non compri uno di questi? E ‘un dispositivo che si aggancia alla doccia e spruzza acqua tra i denti per pulire le gengive. Non pensi che questo sarebbe grande?”. “Certo che sì, ordiniamolo!” Esclamai, afferrando la brochure e il telefono. Riccardo è stato sorpreso ma felice per il mio improvviso interesse verso l’igiene orale. Il dispositivo è stato tutto quello che ho sognato da tempo. Ci ho giocato subito, facendo indurire i miei capezzoli con un flusso forte, aumentando la pressione dell’acqua per farli stare in piedi dritti e duri. Quando ho puntato il flusso più dolce al mio clitoride e mosso lentamente intorno le mie piccole e grandi labbra, le stelle sono esplose nella mia testa. Ho diretto lo spray al mio culo e apprezzato la sensazione di formicolio prodotto. Ho preso uno dei ricambi e tagliato la punta per dare all’acqua un flusso più ampio. Ho detto Riccardo che ho fatto questo in modo da poter pulire la bocca in modo migliore. Egli è stato molto contento di vedere la mia preoccupazione per una perfetta pulizia dentale, ed il fatto che avevo trovato un modo conveniente per fare ciò. Dopo il mio divertimento con l’apparecchiatura dentale, ho deciso che era giunto il momento per usare i gadget più sofisticati. Mi sono intrufolata in un sexy shop, un pomeriggio, indossando occhiali da sole ed un cappello. Ho acquistato un dildo che potrei usare sotto la doccia, dato che era l’unico posto che ho un po’ di privacy. Sapevo che Riccardo non si sarebbe mai sognato di guardare nei miei cassetti. Vorrei riscaldarmi per bene con il dispositivo che spruzza acqua acqua, e poi attaccare il dildo sul pavimento della doccia e accovacciarmi su di esso. Potrei tenermi salda ai maniglioni (installati per sicurezza) e guidare il dildo dentro e fuori. Oh che estasi! Che orgasmi ho avuto! Ho acquistato altre chicche fino a quando ho avuto una buona varietà tra cui scegliere. Alcuni giorni mi piaceva divertirmi con l’ultimo acquisto, un vibratore impermeabile, strofinandolo sopra il mio clitoride. Più avanti potrei passare al plug anale. Vorrei lubrificare il culo con il sapone, e poi cavalcare il dildo gigante nero, in gomma. Ma, naturalmente, l’immancabile doveva succedere. Avevo bisogno di più. L’addetto al sexy shop mi sorrise un giorno, ed ha commentato che dato il mio status di cliente affezionato (non so nemmeno io quante volte ci sono andata) (i miei travestimenti apparentemente non funzionavano molto bene), forse mi sarebbe piaciuta la visita di un rappresentante che avrebbe mostrato il catalogo di giochi e giocattoli sessuali. Non ero convinta, ma pensai che l’idea non era poi così male. Così un paio di settimane più tardi, l’ho detto a Riccardo che volevo organizzare una festa tra amiche per quel fine settimana e che avrebbe dovuto lasciare la casa per qualche ora. E’ stato abbastanza euforico al pensiero che presto avremmo avuto pasti cucinati da altre donne, sicuramente più brave della sua sorellina. Ho invitato alcuni dei miei amici più avventurosi, sperando di attirarli con il tema insolito della serata. Alice, Trudy e Vittoria arrivano puntuali a casa mia un po’ incuriosito e ridendo nervosamente. Avevo già preparato cibo vino, ingredienti per cucinare ed ovviamente il dolce (se cosi possiamo chiamarlo, era nascosto per bene). Non c’erano i giocattoli visibili e non stavo insistendo a giocare a noiosi giochi di società, quindi sapevo che i miei amici si chiedevano cosa stessi tramando, però, nessuno rifiuta bevande gratuite e cibo eccellente, così tutti si ubriacarono abbastanza rapidamente. “Va bene amici miei”, ho finalmente annunciato. “È ora di andare al Paese dei Balocchi”. Li ho portati nel mio bagno, e ascoltarono con piacere, rimanendo a bocca aperta per lo stupore. C’erano candele accese, luci basse, musica romantica, ed una stupefacente varietà di giocattoli sessuali erano esposti come opere d’arte. “Signori, ho recentemente scoperto qualcosa di molto interessante per occupare il mio tempo libero. Poiché so che tutti voi siete volpi a sangue caldo, probabilmente non siete nemmeno soddisfatti dei propri uomini a letto”, ho iniziato, e ho notato che tutte le mie amiche stavano annuendo, “ho pensato che potrebbe essere interessante condividere i miei nuovi passatempi. “Con questo, mi tolsi la camicia ed i pantaloni stando davanti a loro in mutande. Poi ho preso lo spazzolino da denti a batteria, tolto il reggiseno e poi fu il turno della mia biancheria intima, che lasciai cadere a terra. “Questo provoca sensazioni incredibili”, dissi. “Ho una spazzola per chiunque voglia unirsi a me”. C’erano, naturalmente, molte risate imbarazzate, ma Trudy è stata la prima anima coraggiosa a spogliarsi e fare un tentativo. Ben presto, tutti erano seminudi ed avevano la propria spazzola personale in mano, pronti per il gioco di gruppo. Sapevo che sarebbe piaciuto! Ho visto sei vivaci capezzoli e tre inguini bagnati e potevo sentire il loro entusiasmo. “Ed ora, ecco un altro piccolo regalo per voi”. Li ho portati vicino alla doccia, tolsi il reggiseno e le mutandine, ed ho fatto la dimostrazione del getto forte d’acqua prima sui miei capezzoli, poi sul mio clitoride, ed infile sul mio culo. “Ne ho per tutti. Chi stasera si sta sentendo coraggiosa e disinibita?”, chiesi. Beh, sapevo che tutto non sarebbe durato per la notte. Trudy e Vittoria, tuttavia, erano ben presto sotto la doccia con me, nude e bagnate. Abbiamo fatto a turno con la doccetta, e poi ho fatto un passo fuori dalla doccia e afferrato il mio dildo. Quando sono tornata, ho cominciato ad usarlo su me stessa, e ho detto alle amiche di giocare anche loro con qualche gioco tra quelli disponibili. Victoria aveva raggiunto il suo orgasmo, si vestì e andò, lasciando Trudy e me sole. Trudy ha scelto il suo giocattolo, e mi raggiunse sotto la doccia. Le ho preso il dildo viola dalla mano, allargai le labbra della figa, e lo infilai dentro, caldo e bagnato! Ho poi insaponato bene il suo butt plug, e lei lo fece scivolare dentro il suo buchetto. Guardandoci sempre in faccia, le ho insaponato le tette e lavorato il dildo nella sua figa. Il suo clitoride era così duro e scivoloso, i suoi capezzoli appuntiti come sassolini e lei si muoveva ritmicamente contro di me, gemendo piano. Il suo orgasmo ha scosso il suo corpo ed ho potuto sentire l’energia venire fuori di lei a ondate. Finito il gioco andammo insieme a comprare un nuovo giocattolo, uno strap-on con cui potevamo godere di entrambi insieme. “Forse possiamo avere questi incontri una volta al mese?” Trudy chiese. “Assolutamente!” Esclamai. “Immagino che dovrò comprare delle pentole e padelle per cuocere qualche cosa, ma ne varrà la pena. Pensi che le altre signore torneranno?”, chiesi preoccupata. “Oh, certo tesoro, torneranno”, Trudy mi rassicurò. “Hanno solo bisogno di un po’ di tempo per abituarsi all’idea. Ma torneranno. Abbiamo tutti bisogno di un po’ di sana ricreazione nella nostra vita.