Le novità della domenica

Attraverso il cortile ricoperto di edera, rose tagliate e fiori selvatici, Lulu guardò il vialetto vuoto. Vittorio era di nuovo in ritardo. Ha pazientemente aspettato, nuda sul letto. Purtroppo, un’ora più tardi, i suoi desideri erotici sono evaporati. Ha sospirato quando pensava al suo abbraccio appassionato, alle spinte potenti ed all’affascinante sorriso di lui. Chissà dov’era in quel momento. Era solo su un altro pomeriggio pigro di una noiosa domenica. Una telefonata ha interrotto il pensare tra se e se. “Bonjour, amore mio Lulu”. “Ho aspettato quasi due ore. Vittorio, ne ho abbastanza. Io voglio il tuo giocattolo a letto, ma non voglio stare ad aspettare per questo”, ha detto. “Amore mio, perdonami. Ho una sorpresa per te” “Una scusa per il ritardo – di nuovo?” “No. Non ci sono scuse. Sono in ritardo, sì, ma arrivo”. Lei rispose con un gestaccio, che lui non potette vedere. Vittorio e Lulu si incontrano ogni domenica per sesso senza inibizioni e senza alcun vincolo. Nessuno di loro ha voluto le complicazioni di un rapporto duraturo, in quanto il loro rapporto funzionava bene – i primi due mesi almeno. Poi una domenica Vittorio non si fece vedere. Si è scusato il giorno dopo dicendo che era fuori per lavoro. Ha accettato le sue scuse senza sapere che non era la prima volta. Vittorio era il tipo di uomo che esisteva solo in un romanzo di Rosemary Rogers romanzo: affascinante, intelligente, dominante, romantico e incredibilmente fantastico a letto; tutti vantaggi tipici di un grande eroe che si trova solo in un libro. Ma Lulu era reale, non un personaggio di un romanzo ed era stato solo la priorità sessuale di Vittorio, che, quando ci pensava, avrebbe dovuto porla in cima alla sua lista. Purtroppo, Lulu non sapeva quale posto ha nel suo libro, ma la domenica, si aspettava di essere la prima. Lulu fissava il campanile d’oro della chiesa e la croce che sovrastava la città posta per ricordare ai residenti del loro dovere di cristiani. “Voglio provare qualcosa di diverso”, ha detto Vittorio mentre entrava in casa. “Diverso, eh? Che ne dici di arrivare in tempo domenica prossima. Sarebbe diverso”. “Ti ho portato un regalo, tesoro. Dai, aprilo”. Lulu ha preso la scatola rossa con riluttanza. Era arrabbiata con lui e disprezzato il fatto che lei stava cadendo nella sua trappola delle solite scuse. I suoi occhi erano spalancati e il suo sorriso, tenero, mostrava il suo entusiasmo. “Stai cercando di corrompermi?” Lulu ha detto come ha preso il regalo. “Un corsetto?”, chiese guardandolo a bocca aperta. Diversi domeniche fa, Lulu e Vittorio parlarono in merito a quale abbigliamento stimoli nel sesso. Si è rivelato essere una accesa discussione. Vittorio voleva farle indossare un corsetto, sentire limitare il suo respiro ed il movimento mentre facevano sesso. Lulu non ha capito la necessità di corsetto, come sottomissione al suo uomo. Si alzò per andare in bagno per mettere il corsetto, ma Vittorio la fermò. “No, no, no. Lulu, vieni qui “, ha detto mentre si spogliò”, “non vorrai vestirti da sola, vero?”. Lo sguardo diabolico nei suoi occhi la riempiva di mistero. Vittorio le aveva calzato il corsetto nel modo più elegante che un uomo poteva e cominciò a stringerne i lacci. Lulu discretamente sistemò i seni al suo posto e raccolse i capelli. “Mi piace il tuo collo, Lulu,” disse mentre cominciava a pizzo in braccio. “Il mio collo? Che cosa ti piace del mio collo? “, chiese. “E’ un collo lungo, come quello di un cigno. Perfetto per collari di cuoio con le corde e catena”, disse, tracciando la punta delle dita lungo la nuca. “Hmmm, dimmi di più,” Lulu sembrava interessata. Il suo tocco gentile fece brividi su e giù per la schiena e lei sentì la pelle d’oca sulla sua pelle. “Di che cosa? Quello che mi piace di te o le catene?”. “Dipende dallo stato d’animo che stai cercando di provocarmi”. “Ti piace questo, non è vero?” “Cosa? Tu mi dici quello che ti piace di me?” “Sì”. “Quale donna non lo farebbe?” Vittorio passò le dita tra le ciocche ramate dei capelli di Lulu. “Mi piace il colore dei tuoi capelli”. “Ricordami di non cambiarlo,” mormorò. “E la tua pelle … è come il latte”. “Latte?” Lulu aprì gli occhi, e non disse più nulla, per non rovinare il momento romantico che stava per nascere. “Sì, mi piace il latte – bianco, puro – Mi piace l’odore, il sapore e la sensazione contro le mie labbra. La tua pelle mi ricorda il latte”. “Se tutte le donne fossero come me, non mi apprezzeresti così”. “Forse”, Vittorio disse appena finì di legare il pizzo ultimo del suo corsetto. “Questo è molto erotico”, ha detto, mettendole una benda sugli occhi. Poi afferrò le mani e le portò dietro di lei e le sussurrò in un orecchio, “Lulu, amore… farai la mia schiava”. Le piaceva il suo gioco creativo perchè ha mostrato il suo interesse a costruire quei momenti erotici che sono il sale nel sesso di una coppia. Vittorio la condusse al balcone che si affacciava sul giardino e la strinse contro la ringhiera. Una volta fuori immersa nella luce pura, Lulu era accarezzata dal vento sul suo corpo parzialmente coperto. Era sorpresa dall’erotismo provocato dal corsetto. I suoi seni erano completamente esposti, mentre il bordo del corsetto era sotto di loro e sentiva le costole come se stesse abbracciato da un qualcosa di troppo stretto per respirare facilmente. La sua pelle era riscaldata dalla luce del sole e le ombre che danzavano sulla sua carne, alimentando l’energia sessuale che il suo corpo emanava. Lulu disse: “Vittorio, non posso stare sempre qui mezza nuda, qualcuno potrebbe vedermi”.”Questo è il punto, Lulu”, ha detto lui in un tono calmo. “Ti chiedo chi tista guardando vorrà partecipare? Ti chiedi quanti occhi noteranno le nostre azioni? “Il suo volto si mosse verso il suo orecchio sussurrando desideri nella sua anima. Vittorio teneva le mani saldamente. Lei era accecata dal tessuto di seta che copre gli occhi, cercò di guardare attraverso la piccola apertura della benda, ma la luce era troppo forte e lei non riusciva a vedere nulla di reale. “Senti il vento,” sussurrò, “ascolta i suoni. Chi ti sta guardando?”. Il suo battito cardiaco aumentava e aveva bisogno di fare un respiro profondo, ma i lacci stretti impedivano a Lulu ogni mossa. La sua mente turbinava con burrascose visioni erotiche. Era attratto dal suo potere malvagio. La sua stretta era forte, il respiro limitato e Lulu lentamente si disinteressava del fatto che altri potessero o no vederla. Lulu si lasciò sfuggire un gridolino controllato, temendo che sarebbe stato crudele con lei, ma le sue spinte erano ritmiche come le campane della chiesa, facendo eco  della realtà nelle strade sottostanti. “Vittorio, dimmi di più”, ha supplicato mentre le sue parole aumentavano la sua eccitazione. Ma Vittorio ha continuato le sue spinte costanti nella sua figa, con i fianchi tenuti forte ed ansimando. Lei sentì il suo cazzo palpitante quando si è curvato sul suo corpo e sussurrò: “Mi fai venire voglia come nessun altra donna, Lulu”. “Un’altra cosa che ti piace di me?” Chiese, ancora accecata dal panno di seta sugli occhi”… “Dimmi di più, Vittorio. Mi stai accendendo. Spingi più forte e dimmi di più, ma non innamorarti di me, Vittorio. Sarebbe complicare in modo grave il nostro rapporto. Lulu sentì esitare la sua spinta pelvica. Non era sicura del perché lo disse. “Non fermarti, Vittorio. Fammi gocciare. Non smettere, per favore, “disse, sperando di convincerlo nuovamente a proseguire con la sua fantasia sessuale. “Sì, Vittorio! “Le tue parole mi fanno impazzire, disse lui. Mi piace quando mi comandi di scopare ancora più forte! “Urlò. Poi Vittorio ha rafforzato la sua presa e costretto il bacino più vicino alla sua pelle. I suoi muscoli serrati la stringevano nel suo piacere, ma il suo orgasmo scoppiò attraverso il suo corpetto sudato. Lulu spruzzò in aria come l’ossigeno. Vittorio aveva bisogno di lei, era semplicemente un uomo e continuò a strofinarsi contro la sua figa ed a scoparla fino all’eiaculazione dentro di lei. La portò in casa e l’aveva inginocchiata ai suoi piedi, seduto su una sedia, allentando il corsetto in modo che Lulu potesse respirare. “Cosa?” Chiese lei, in ginocchio e guardando verso di lui. La sua espressione era familiare. I suoi occhi erano dolci ed invitanti. “Non ne sono sicuro, ma penso che voglio solo ti guardino. Mi piace come il culo guarda in aria – il modo in cui inarchi la schiena … “Si fermò a sorridere. “Sto avendo strani segnali da te”, ha detto Vittorio, “non sei mai stata così”. Lulu si mise in ginocchio e gli sorrise. Afferrò la sua mano e la baciò. “con te mi sento così erotica. Penso che sia il fatto che sei disposto a giocare con me ed esplorare così liberamente il sessosenza l’aspettativa di un amore. Sarebbe bello trovare questo tipo di apertura e comfort in un rapporto d’amore, ma sarebbe complicato, rischioso”. Lulu si strinse nelle spalle. “Ho avuto un orgasmo e un’esperienza completamente erotica. Non mi posso lamentare!”. “Sì, ma sai che mi piace scoparti fino a che non mi chiedi pietà”. “Forse Domenica prossima … se arrivi in tempo”. Vittorio sorrise e poi si spostò in avanti per baciarla. Il suo bacio sembrava diverso questa volta: più morbido, più delicato, come se le sue labbra portassero romanticismo. Lulu si staccò, guardò negli occhiVittorio e mise le mani sulle sue guance. Fissò i suoi occhi, esitante a dare una risposta. Lulu aspettava con pazienza, servilmente come sempre. Lui può essere in ritardo per i loro incontri, ma ha sempre dimostrato che valesse la pena aspettare. Lulu ha cercato di decifrare il linguaggio dei suoi occhi, una lingua che lei non aveva mai visto prima. Senza preavviso Vittorio la prese in braccio e la portò in camera da letto. Le tolse il corsetto e fece l’amore con lei. Il corsetto, la benda ed il mostrarsi sul balcone durante gli amplessi, erano diventati il loro nuovo modo di scopare di domenica.